Home » Amici

MOUESCA Gabriel

1 luglio 2012 Nessun Commento

Gabriel MOUESCA non ha che 22 anni quando trova la prigione sulla sua strada. Ha già al suo attivo un’esperienza che si sussegue di lotte che segnano il suo ambiente, la sua epoca, il suo paese. Sindacalista licenziato dopo aver occupato la sua officina per impedire il suo dislocamento, ma soprattutto militante dell’organizzazione clandestina basca Iparretarak, è ricercato dopo la sparatoria dell’agosto 1983 in un camping nelle Lande che ha provocato un morto (nelle file dei gendarmi)e un disperso (nelle file dei militanti). Il 1 marzo 1984 la polizia gli tende una trappola e viene arrestato dopo una corsa-inseguimento tragica (il suo compagno al volante è ucciso da una pallottola alla schiena). “Deve” già più di quindici anni di prigione quando evade dalla casa circondariale di Pau nel dicembre 1986. Fuori, la lotta continua. Ma sei mesi dopo, è di nuovo arrestato sui Pirenei. Questa volt Gabriel lo sa; non è pronto a uscire. Organizza la resistenza. Termina le scuole superiori, prosegue gli studi di diritto, indispensabili per lottare con le stesse armi del nemico e legge molto. E soprattutto non si lascia schiacciare dalla macchina penitenziaria. Questo è un bene: al di fuori, Osservatorio Internazionale delle Prigioni (OIP) è stato creato per difendere, rispettare i diritti e la dignità dei detenuti. La sua nuova lotta è cominciata. Dopo 17 anni di detenzione, esce finalmente. Oramai Gabriel Mouesca organizza la resistenza dall’esterno. Inizialmente incaricato di missioni sulle prigioni alla Croce Rossa, è stato eletto nel giugno 2004 presidente della sezione francese dell’OIP. Nel febbraio del 2006 ha pubblicato “la nuque raide”, una raccolta di conversazioni biografiche sulla sua lunga esperienza nelle carceri che parlano soprattutto dell’uomo, sconvolto dalle ingiustizie della nostra società ma sempre nella lotta cui non può rinunciare. Oggi è incaricato dei progetti sulle “prigioni” per Emmaus France, e lavora sulla questione del rinserimento di vecchi prigionieri nella società. Ugualmente milita nel movimento Autonomia Eraiki, in favore dell’autonomia dei paesi baschi francesi. Ha da poco proclamato la sua candidatura, come candidato indipendente all’elezioni per il senato del settembre 2011.

Nel 2002 ha partecipato a Tonalestate con una conferenza del 2 agosto dal titolo “Ma nuit carcérale était étoilée”. Nel 2003,ha partecipato a Tonalestate con una conferenza del 3 agosto dal titolo “Il n’y a pas de fatalité”. Nel 2004 ha partecipato a Tonalestate con una conferenza del 1 agosto dal titolo “La misére encarcerée”. Nel 2005  ha partecipato a Tonalestate con una conferenza del 3 agosto dal titolo “All’ombra della repubblica”. Nel 2006  ha partecipato a Tonalestate con una conferenza del 7 agosto dal titolo “La  nuque raide: l’histoire d’une rèvolution interieure”.

Comments are closed.