Home » Amici

PITTAU Giuseppe

6 luglio 2012 Nessun Commento

TE08_0393_4agostoS.E. mons. Giuseppe Pittau a Tonalestate 2008
insieme alla professoressa Angela Volpe, a S.E. il card. Jean Louis Tauran e la signora Yoshimi Shibata.

Abbiamo conosciuto mons. Giuseppe Pittau a Roma, nel 1983. Ci fu presentato dal padre Ferdinando Castelli, di Civiltà Cattolica. A quel tempo, una nostra amica stava scrivendo la sua tesi su un missionario gesuita morto martire in Giappone nel 17simo secolo. Mons. Pittau, nonostante il suo lavoro impegnativo alla Congregazione per l’Educazione cattolica, trovava sempre il tempo per aiutarla e indirizzarla ad altri studiosi del cristianesimo in Giappone, come il padre Jesus Lopez Gay e il padre Juan Ruiz de Medina.

Quando nel 2000 nacque la prima edizione del Tonalestate, fu tra i primi collaboratori e sostenitori. Alla fine dell’incarico presso al Santa Sede, mons. Pittau tornò in Giappone. Dal Giappone ha partecipato varie volte al Tonalestate dove ha portato la sua esperienza di educatore e grande conoscitore della cultura giapponese. Uomo di cultura e profonde conoscenze, aveva il dono speciale dell’umiltà che lo rendeva capace di colloquiare con spirito fraterno con ogni uomo, qualunque fosse la sua razza, situazione sociale e religione.


Partecipazioni a Tonalestate:

29 luglio 2001, Tonalestate 2001: Odissea nell’umano
con la conferenza “L’educazione e gli studi per un dialogo a misura d’uomo”

4 agosto 2002, Tonalestate 2002: Antigone non deve morire
con la conferenza “La cultura della pace di Tonalestate”

2 agosto 2003, Tonalestate 2003: un bello e orribile mostro si sferra
con la conferenza “L’educazione, speranza dentro una civiltà tecnologica”

3 agosto 2008, Tonalestate 2008: le identità negate
con la conferenza “L’inculturazione in Giappone”


Un nuovo umanesimo di Giuseppe Pittau

Lascia un commento!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.