Home » Amici

DE MARCHI Mario

9 agosto 2014 Nessun Commento

Mario de Marchi è figlio di Elisabetta Manea (ved. De Marchi) e fratello di Roberto De Marchi, uccisi il 2 agosto 1980 nella strage alla stazione di Bologna.

Mario de Marchi è membro dell’Associazione tra i famigliari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980.

Dopo la strage sono rimasti tre figli: Francesco, sposato con due bambini, impiegato comunale a Marano Vicentino; Mario, 28 anni, laureando in pedagogia (viveva con la mamma e il fratello minore); Angelo, 24 anni, sposato, operaio specializzato a Malo.
Elisabetta e Roberto De Marchi hanno trovato la morte mentre erano in viaggio per raggiungere un paesino del barese. Elisabetta, dopo le molte insistenze dei figli, aveva accettato l’invito di una sua cognata, che passava qualche mese in Italia prima di far ritorno in Australia (tutti i fratelli Manea vivono là, emigrati da tanto tempo).
“Viaggiava in prima classe – racconta il figlio Mario – ” Avevo faticato ad impormi per renderle meno penoso il lungo spostamento. Ma lei, a Bologna, aveva preferito fermarsi nella sala d’aspetto di seconda. Le avevamo anche consigliato di andare a vedere qualcosa della vostra bella città, o di andare a trovare una nostra parente. Non se la sarà sentita, e Roberto non ha voluto lasciarla sola”.

Angelo racconta, con un tono spento, come hanno vissuto a Marano Vicentino le ore immediatamente successive alla notizia dello scoppio in stazione. “Mio fratello Mario ha sentito, casualmente, le prime notizie trasmesse per radio – dice -. Mi ha telefonato ed ho scoperto con orrore che l’orario era quello in cui mamma e Roberto si trovavano là. Nel primo pomeriggio eravamo già a Bologna. Abbiamo saputo quasi subito che Roberto era tra le vittime, ma non c’erano notizie della mamma. In serata, siamo partiti per Iesolo per portare di persona la notizia a Francesco. Siamo ritornati a Bologna la domenica mattina. Anche la mamma era stata ritrovata”.

Lascia un commento!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.