Home » Amici

MIGOTTI Renato

9 agosto 2014 Nessun Commento

Architetto, nato a Longarone nel 1947, aveva solo 16 anni nel 1963, quando, la notte del disastro perse i genitori e il fratello.  «Io avevo 16 anni – racconta Migotti – Ero in casa, ero appena andato a letto. Sono volato via con tutta la casa, a 200 metri di distanza. Ho perso i genitori e mio fratello più piccolo. Ricordo quando mi hanno recuperato, a monte del paese, dei soccorritori locali. Il corpo di mia mamma non l’ hanno mai più trovato». Lui e altri sopravvissuti hanno allevato questi giovani “informatori della memoria”, per cui Migotti ha dato vita, nel 2000, alla Associazione Superstiti del Vajont, di cui è presidente e vicepresidente della Fondazione omonima. In occasione del 50° anniversario del disastro, il 9 ottobre 2013 Migotti ha proposto di sostituire il nome dell’associazione in  “Associazione Vajont: il futuro della memoria”, togliendo la parola “superstite”, “perché dobbiamo condividere la nostra testimonianza con chi allora non c’era”.

Inoltre l’Associazione propone interventi sul territorio colpito dal Disastro, con la sistemazione del sentiero di Ranz, che collega i pascoli sul monte Toc a Dogna e che un tempo era usato dagli abitanti di Erto e Casso per scendere a Longarone, «così da cerare, con il troi de Sant’Antoni, un percorso naturalistico ad anello intorno alla diga» commenta Migotti. Nella stessa direzione va il sostegno al progetto “Ripercorrere la valle del Vajont”, con il coinvolgimento dei 4 comuni per il ripristino della strada che scendeva lungo la valle del Vajont e la costruzione di una passerella sul torrente dove un tempo esisteva un ponte andato distrutto con il Disastro. «Quanto alla prossima edizione dei Percorsi della Memoria» riprende Migotti «vorremmo aprire un tracciato sulla frana che scenda fino al lago per poi risalire ad Erto: sostituirebbe, nella 25 Km, il tratto che adesso i corridori devono percorrere sulla strada principale, aumentando la sicurezza ed il valore paesaggistico del percorso».

Lascia un commento!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.