Home » News, Strumenti, Tonalestate 2017

Quieta non movere et mota quietare

19 agosto 2017 Nessun Commento

Chie Mikami è nata nel 1964 a Tokio. È stata giornalista televisiva, oggi è freelance e lavora come giornalista, documentarista, sceneggiatrice e regista. E’ anche studiosa di antropologia culturale e insegna cultura okinawese.
Il suo film “Il villaggio bersaglio” è stato premiato, nel 2013, al festival internazionale di Yamagata come miglior documentario e ha ricevuto anche i premi dell’associazione di registi del Giappone. Il 6 agosto dello scorso anno, al Tonalestate, era intervenuto ISA Masatsugu, artigiano e assessore comunale di Higashison, Okinawa, rappresentante del gruppo cittadino “Associazione popolare contro gli eliporti” per testimoniare in prima persona della resistenza popolare contro i nuovi insediamenti militari americani.

Chie Mikami riferisce, in un modo che arriva davvero alla coscienza, il proseguire delle “attività contro il rafforzamento delle basi militari a Okinawa”. La conferenza presenta un problema grave, importante, passato sotto silenzio dai mèdia ma molto presente nella popolazione dell’isola.
Okinawa continua a essere considerata isola di guerra. Di fatto, l’idea é che il Giappone, essendo base militare degli Americani, faccia da scudo umano contro eventuali avanzate della Cina nel Pacifico. In Giappone, mentre i giornali non si occupano della situazione di Okinawa, si vanno organizzando gli hate-speech: giovani che mostrano pubblicamente il loro odio contro la Cina e la Corea. Cosí la “minaccia” cinese e nordcoreana viene usata per giustificare l’ampliamento delle basi americane e le enormi quantità di denaro investite per mantenerle e ampliarle.

Chie Mikami fa un appello per avviare un rapporto pacifico con la Cina e la Corea, visto “che mangiano con gli stessi bastoncini, usano gli stessi caratteri per scrivere”. Racconta di tutta l’irrazionalità di usare il Giappone come “frangiflutti”. Già lo si fece 72 anni fa a Okinawa, provocando 200 mila morti giapponesi, dei quali vari furono suicidi per la tristezza del massacro.

Lascia un commento!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.