Home » Featured, News, Strumenti, Tonalestate 2017

Tra il dire e il fare c’è di mezzo l’altro

8 agosto 2017 Nessun Commento

Eletta Leoni, responsabile del Centro studi, ha accolto un pubblico attento e numeroso di giovani e di turisti in questa promettente mattinata di apertura del Tonalestate 2017 prospettando una razionalità aperta e obbligata a trascendere ciò che provvisoriamente raggiunge.
“Stanco di chi non offre che parole, parole senza lingua, sono andato all’isola coperta di neve” dice un poema di Thomas Tranströmer. E davvero verrebbe voglia di farlo come ne aveva voglia Pavese e ben lo dice in quella frase che accompagna i nostri giorni del Tonalestate: “almeno potercene andare,/ far la libera fame, rispondere no/ a una vita che adopera amore e pietà,/ la famiglia, il pezzetto di terra, a legarci le mani”. L’uomo del nostro tempo, non possiamo purtroppo negarlo, sembra essersi inconsciamente o nascostamente innamorato delle tragedie, delle cattive notizie, degli avvenimenti tristi, infausti e negativi, delle malattie e del maltempo. E, nei rapporti con gli altri ha acquisito un’arte speciale, anche quando sembra parlarne bene, nell’ingigantirne i difetti, i limiti, le colpe, i problemi e le cadute. Li insegue, li ascolta, li fa propri e li trasmette ornandoli di tutti i dettagli con cui la sua fantasiosa arte del tessere riesce a ricamarli. Se un giorno non succedesse, per caso, nulla di increscioso o il cattivo non fosse, quel giorno, tanto cattivo o non si riuscisse proprio a individuare il più piccolo male, l’uomo del nostro tempo va a rimuginare i mali passati o ne costruisce di futuri: è lo strano mestiere del sarto che solo scuce e torna a scucire gli abiti, invece di applicarli a cucirli per bene. Questo strano mestiere non è “esercizio della coscienza critica”, far questo solo distorsiona la capacità di ascolto come la capacità di vedere e di toccare, cioè distorsiona le premesse indispensabili per un’arte che sia degna di chiamarsi arte di pensare e di giudicare. Stando così le cose, abbiamo bisogno di una vera e propria “rivoluzione copernicana” (dice Peter Sloterdijk) nel modo di pensare, cioè di guardare e di giudicare, di imparare, di studiare e di conoscere, una rivoluzione copernicana nel nostro cuore, nel nostro cervello, nella nostra mente come nei nostri occhi.
La mattinata di oggi ha per titolo: tra il dire e il fare c’è di mezzo l’altro. E’ un titolo che è la parafrasi di un proverbio che dice: tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. Questo mare ha dunque per nome: l’altro. “Accade ma solo raramente, che uno di noi veda veramente l’altro”, dice ancora una poesia di Thomas Tranströmer. L’altro, anch’esso enigmatico, immenso, magari conosciuto eppure sempre nuovo e imprevedibile come il mare; l’altro è “un’intimo paradosso” ed è di uguale natura alla mia e alla tua, la natura di tutti coloro che dalla spiaggia del dire desideriamo passare all’altra sponda, là dove è possibile edificare. Ed è proprio l’altro che permette alle nostre utopie o alle nostre eventuali astrazioni o ai nostri sogni di prendere un volto umano che, come ogni volto d’uomo, è carico di difetti, difetti però tutti teneramente umani. Ed è l’altro a spingerci ad attraversare il mare dell’esistenza e a farci smettere di andare a nasconderci su quell’isola coperta di neve.
Come già dicemmo lo scorso anno, l’imperfetto è il nostro paradiso. Come affrontare dunque i difetti, le malvagità, le incostanze, i tradimenti di questo enigmatico mistero che è l’altro? Cominciando almeno a intuire che c’è un motivo utile e buono per cui l’altro esiste ed è com’è. Questo è la prima rivoluzione necessaria, se vogliamo che il pensare diventi un’arte capace di trasportarci sulla riva dove si edifica. Semplicemente, smettere di guardare l’altro per giudicarlo in bene o in male, guardare all’altro invece come il compagno di un viaggio che entrambi dobbiamo fare. Insieme scopriremo ciò che deve essere denunciato; insieme scopriremo ciò che deve essere valorizzato.
“Chi aspetto? Un amico? Perchè non arriva? Perché è già qui”: è sempre un poema di Thomas Tranströmer a dircelo: e questa è la vera coscienza critica. L’amico è già qui anche se “infuria la notte” e “la cabina cade sotto gli zoccoli del diluvio”; dentro di noi è custodita e desidera emergere “la gioia” di un’amicizia possibile. E, perché emerga, abbiamo bisogno di qualcuno che ci aiuti a “lasciare il travestimento dell’io su questa spiaggia”, sulla spiaggia del dire e del commentare. Occorre fare silenzio sull’altro e su di sé.
Se in questi tre giorni e mezzo di lavoro insieme vi dovessero sembrare troppo difficili o troppo note le parole che ascolterete, non perdetevi d’animo, né cedete alla noia: non smettete d’ascoltare. Questa pazienza darà i suoi frutti nella rivoluzione copernicana richiesta per il pensiero. Se in questi tre giorni e mezzo di lavoro vi dovessero sembrare troppo dolorose le situazioni di ingiustizia e di conflitto di cui verrete a conoscenza, non scoraggiatevi e non rifugiatevi in voi stessi o in paradisi che ingannano. Fuggire altrove, infatti, non serve, perché questo altrove non esiste.

Lascia un commento!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.