Home » News, Strumenti, Tonalestate 2018

Perché fuggite il punto fondamentale?

6 settembre 2018 Nessun Commento

Etica, scienza, pace: possono coesistere? Pere Brunet, professore alla Universidad Politécnica de Catalunya e ricercatore del centro Delàs de estudios para la Paz, ne è convinto e ne spiega le connessioni nella sua conferenza intitolata: “Ética, paz y militarismo: un enfoque desde la ciencia”.

Se le conoscenze che derivano dalla ricerca scientifica possono ritenersi neutre, l’uso che se ne fa ne determina le conseguenze e dovrebbe essere indirizzato al servizio, alla cura di tutte le persone “adesso e qui”. Se questo principio fosse condiviso porterebbe a passare dalla difesa degli interessi alla difesa delle persone e indirizzerebbe i governi a investire sul “ben-essere” della gente anziché su scelte di potere economico o imperialista. L’etica scientifica induce a confrontare tesi, critica mezzi ambigui e smaschera false verità perciò fa paura a “chi vuole agitarci come marionette”. Se c’è una verità che la scienza afferma è che siamo esseri limitati; ci aiuta a vedere i limiti e ci consiglia indignazione di fronte a chi presenta un’immagine infinita, vanitosa e illusoria d’uomo. Chi governa il sistema mondiale è purtroppo ostile a tale principio, occupato com’è ad accaparrarsi risorse, ad alimentare le guerre con un mercato delle armi più che miliardario, a possedere le coscienze.

Il cambiamento è difficile ma urgente e possibile attraverso un pensiero critico che alimenti la coscienza profonda dei limiti cui siamo soggetti e che smantelli una “concezione militarista” della vita creata dalla comunicazione, dalla pubblicità, dai videogiochi, dai social.

Lascia un commento!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.